Ferrara:niente bavagli, ma perchè solo Travagli?

imagesAssurdo ma vero: Silvio Berlusconi è un editore televisivo di sinistra, un padrone della tv che non riesce a impadronirsi del linguaggio della tv.

Sbaraccare i palinsesti e fare posto al capo del governo che adempie le sue promesse e taglia nastri non è il massimo dell’eleganza.
È una provocazione. Ma Berlusconi dell’eleganza se ne infischia, è un uomo pratico, bada al sodo, e delle provocazioni, specie delle sue, non ha alcuna paura.

La storia del terremoto e della grande impresa di umanità e solidarietà della ricostruzione lampo è in effetti una bella storia, che un Bruno Vespa abruzzese può raccontare con la necessaria simpatia umana, e il governo e il suo capo si sono dati parecchio da fare sotto la guida tecnica di Guido Bertolaso, il guru infallibile della Protezione civile.

Ma è anche politicamente efficace, questa provocazione a freddo che spazza via l’informazione concorrente di Raitre e perfino quella di Canale 5, rilanciando l’immagine di un magnate dei media fattosi politico in conflitto di interessi, ipoteca vivente sull’autonomia del giornalismo e perfetta testa di turco per la grande manifestazione democratica in difesa della libertà di stampa? Io non sono un radical chic, caro Cav, e non sottovaluto il vantaggio che lei si è preso con questa comunicazione popolare di cose fatte, le case, le famiglie, il frigorifero «pieno di ogni bendidio» come lei ha detto, figuriamoci.

Anzi vorrei spiegare al boy scout Dario Franceschini che ha scelto il momento peggiore per litigare con Vespa, suo mentore e sponsor in mille trasmissioni Raiuno, perché alla fine la gente preferisce la commozione universale, il vedere un problema umanitario risolto rapidamente in nome dell’interesse comune, sia pure con il commento un po’ egotico di un Berlusconi che si dice più longevo e dunque più utile alla nazione di un Alcide De Gasperi, all’ennesima bega libertaria sul rinvio di un Giovanni Floris o di un Alessio Vinci.

Non sottovaluto la potenza di fuoco di un dominio pieno e incontrollato sulla tv, roba vagamente orwelliana secondo Michele Serra. Ma è davvero possibile realizzarlo, nel XXI secolo, in Italia, in Occidente? No, non credo proprio. Ci sarà stato un momento inaugurale di gloria totalitaria vecchio stile, all’inizio di questa stagione televisiva, ma all’affacciarsi della prossima estate, quando la maratona Raiuno Raidue Raitre sarà finita, ci guarderemo indietro e dovremo paradossalmente constatare che ancora una volta, settimana dopo settimana, le reti pubbliche saranno state occupate dalla tv faziosa e di sinistra, da un’idea guruesca del giornalismo politico dominatore delle coscienze, dagli applausi a comando di un pubblico artefatto, e dallo stile giornalistico-giudiziario degli ospiti in studio, quelli sì spettacoli orwelliani concepiti in nome del contropotere giornalistico, che poi è un potere fra gli altri.

Non è la dittatura commissaria e provvisoria sui palinsesti, il fare slittare di due giorni un Ballarò, che può ripristinare condizioni civili e plurali di informazione critica. La tv non si può imbavagliare, anche perché è un mezzo tra i mezzi, medium tra i media, e le notizie e le idee circolano comunque. Bisogna invece farla, la televisione non conformista, produrre una pluralità di idee impadronendosi dei suoi linguaggi e aumentando il tasso di libertà del sistema. Il grande problema della destra di governo è che in tanti anni non è riuscita in questa impresa. E non ci è riuscita per un notorio paradosso: perché Berlusconi è un presidente del Consiglio e un capo del centrodestra, ma è ed è sempre stato un editore di sinistra (Ricci, Mentana e tutto il resto dei palinsesti).

Giuliano Ferrara

http://blog.panorama.it/opinioni/2009/09/21/ferrara-niente-bavagli-ma-perche-solo-travagli/

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 96 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: