Il Parlamento a Montecatini

Giuseppe Prezzolini (archivio Corriere della Sera)

Errore considerare certi saggi del passato fuori dai nostri problemi. Prezzolini, l’attualità di una proposta

Alberto Bevilacqua per “Il Corriere della Sera

Stavo cercando uno spunto per una nota d’augurio ai lettori, a tutti noi, in un momento difficile del Paese. Evitando la retorica delle solite cose. Sarà stato il timore della retorica, sarà stata al contrario una voglia di arguzia, a farmi ritrovare, per caso, un libretto che stampò Sellerio. Un libretto di Giuseppe Prezzolini: gran cervello e forte coscienza critica, spirito ironico capace di mordere. Errore considerare certi saggi del passato fuori dai nostri problemi. Dovremmo consultarli più spesso.

Sorridiamo, dunque, scorrendo il libretto scritto nel finire della vita, negli anni Settanta. Dovendo sintetizzare, mi immedesimo nel suo autore. Titolo:Modeste proposte scritte per svago di mente, sfogo di sentimenti e tentativo di istruzione pubblica degli italiani. Premessa fantascientifica, ma non troppo (che potere profetico in Prezzolini!): visto e considerato che gli italiani non riescono a mettersi d’accordo nemmeno dopo la Caporetto economica, gli Stati d’Europa, con l’assistenza consultiva della Repubblica dei Soviet e della Cina, fanno la seguente proposta agli italici: prendere in affitto il loro governo, basandosi sul loro ingegno artistico e la loro prontezza nell’affrontare gli eventi e nel cambiare bandiera. Ecco alcune condizioni dell’affitto.

1) Ogni regione sarà retta da un governatore straniero, che non porterà con sé né moglie, né figlie, né parenti femminili, per timore che la ben nota abilità degli italiani nel sedurre le ragazze abbia a creare dei principati permanenti e delle dinastie locali.

2) L’Italia sarà come segue divisa: il Piemonte affidato alla Francia; il porto di Genova, la costa ligure e la Corsica sotto la protezione della Spagna; la Lombardia sarà accettata come un cantone in preparazione, e sotto sorveglianza della Svizzera; il Veneto formerà una provincia del rinnovato impero austro-ungarico; la Romagna e l’Emilia, per la loro devozione al comunismo, saranno riunite all’ex Jugoslavia; la Toscana verrà annessa alla Catalogna e ai Paesi baschi, in una federazione modello degli anarchici, e avrà in sottodominio temporaneo la Sardegna; Marche, Lazio e Abruzzo torneranno sotto l’augusta supervisione di Sua Santità il Papa; l’antico regno di Napoli sarà restituito a un membro della reale casa dei Borboni; la Sicilia sarà affidata al signor Gheddafi, in un’unione personale con la Libia, e una commissione di mafiosi di alto grado sarà incaricata dell’amministrazione.

3) I giovani italiani saranno soddisfatti perché ogni sorta di esercito sarà abolito, e gli anziani perché le forze di pubblica sicurezza saranno disarmate. Le prostitute, chiamate d’ora in poi «noleggiatrici di corpi», saranno sostenute con appositi regolamenti, tariffe e pubblicità nei periodici stranieri. A tutti gli italiani sarà concessa una pensione a vita affinché, senza occuparsi di lavoro, conservino la loro gaiezza, ecc.

4) Avendo considerato il problema politico italiano, e la psicologia di senatori e deputati, sarà utile trasportarne la sede da Montecitorio a Montecatini, che non ha mai avuto contese, non ha aspirato a nessuna preminenza, se non per le proprie acque purgative. Faccendieri, roditori del denaro pubblico, avventurieri della politica, che hanno bisogno di scandali per vivere in lusso e con poca fatica, potrebbero trasferirsi in Montecatini, nel grande Tempio Stercorario che, evocato dalle acque purificatrici, garantirebbe che tutti sono uguali: Eccellenze e Travetti uguali.

Chiusa: mio padre, quando mi esaltavo davanti a una bella donna diceva: «Ricordati che anche Beatrice e Laura andavano al gabinetto».

 Lunga vita! Prezzolini è vissuto, fino a cento anni.

Tag:

Una Risposta to “Il Parlamento a Montecatini”

  1. Svetla Lazarova Says:

    Tempo fa, ancora in Bulgaria, ho letto un libro di Giuseppe Prezzolini che mi ha conquistato con il suo linguaggio ironico. Ritrovare i suoi pensieri saggi in questo articolo mi ha spinto di pubblicarli perche vanno riletti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 97 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: