Ferrara: il dissenso fa bene a Berlusconi

Dicono che Gianfranco Fini sia un traditore. Ma che vuol dire traditore? Non mi pare che spari alle spalle: parla in pubblico e dice la sua quotidianamente. Non mi sembra abbia cercato e coltivato contatti trasversali con tanti dei nemici di Silvio Berlusconi, nel palazzo della politica e in quelli di giustizia, allo scopo di farlo fuori. La categoria del tradimento è un’arma difficile da maneggiare, bisogna evitare forzature di significato, facilismi, demagogie, altrimenti si rischia di proiettare la propria viltà sul comportamento degli altri, sublimando psicologicamente con la calunnia la propria inclinazione alla slealtà. Dare del traditore a qualcuno, al cospetto di un potente di cui si è al servizio, può essere, se non ne ricorrano precisamente i termini, un adottare il lessico dell’invidia, del servilismo più basso.

Il percorso di Fini in politica è disseminato di cadaveri, come sempre succede e come occorre a tutti i capi. La carriera politica è un flusso di promesse non mantenute, di abbandoni, di voltafaccia, di attese tradite, di ambizioni sbagliate, perché il potere ha questo volto maligno, oltre alla luce che lo giustifica da millenni agli occhi del mondo. Ma finora quel che caratterizza la storia di questo delfino del leader neofascista Giorgio Almirante, fattosi uomo delle istituzioni e aspirante costruttore di una destra politica normalizzata, di tipo democratico-europeo, non è il tradimento. Lo scambio ha funzionato. Bisogna onestamente riconoscerlo. Come fece Berlusconi a Fiuggi, quando disse ai neofascisti, mentre lasciavano «la casa del padre», che lui non li aveva affatto sdoganati, perché si sdoganano le merci, non le persone. Fini ha firmato contratti di alleanza politica e con scarti, stupidaggini, velleità, alla fine li ha sempre onorati.

La mia non è una lode di Fini, non faccio il suo consigliere, come scrivono incauti cronisti, né appartengo al novero dei suoi ammiratori o dei suoi amici. Non ho più grande passione per la poverissima politica italiana, mi sarebbe piaciuto strappare 30 deputati per battermi a favore della vita umana maltrattata e brutalizzata, ma avendo incassato un pieno insuccesso non mi resta che osservare e aspettare un lieto fine dell’avventura di Berlusconi. Però non posso evitare di dire quel che penso, pensando ben s’intende a quel che dico.

Fini formalizza il dissenso nel partito-popolo di Berlusconi. Non mi sembra una tragedia, anzi, mi sembra una buona cosa. Buona per il Berlusconi leader e per il presidente del Consiglio. Certo sono noiosi i riti d’apparato e d’assemblea, e il Cav. non è abituato a fare i conti con chi la pensa diversamente da lui o esprime interessi e obiettivi politici differenziati dai suoi. Preferisce la logica della fortezza, non arriva proprio a intendere il significato di una discussione formalizzata, che non sia amichevole, magari conviviale; in questo c’è anche la sua freschezza e novità, il suo rigetto di quanto è codificato nel vecchio mondo della politica; epperò anche un rischio, il rischio dell’autoreferenzialità e della trasformazione di un ego rutilante, colorito, energetico, in un solipsismo senza allegria.

La natura di Berlusconi ha anche un tratto liberale spiccato, il suo celebre «mi consenta» è indizio di una venerazione persino un po’ filistea per le buone maniere, per la cortesia di tratto, insomma per l’educazione borghese. Non può che portargli fortuna, attirargli simpatia, e nuova forza, il fatto di concepire questa creatura politica detta Popolo della libertà come un organismo aperto, in cui si realizzano scopi comuni con spirito pragmatico e tensione politica e civile, ma lasciando che fiorisca e faccia la sua strada una minoranza politica organizzata. È più comodo, più sbrigativo e rassicurante prendere Fini e metterlo fuori a calci nel sedere. Ma è decisamente più brutto.

Giuliano Ferrara

Panorama

Tag: , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: