Tobagi, 30 anni fa l’omicidio, quell’odio nato in redazione

Il 28 maggio 1980 Tobagi fu ucciso a Milano con cinque colpi di pistola da un “commando” di terroristi. Si era schierato contro i comunisti

Vittorio Feltri per “Il Giornale

Trent’anni fa moriva ammazzato Walter Tobagi, inviato speciale del Corriere della Sera. Chi oggi ha quarant’anni se ne ricorda a malapena. Chi ne ha meno non sa nemmeno di cosa si stia parlan do. Ciò non toglie che quel delitto abbia avuto e abbia ancora un si­gnificato storico. Gli assassini fu rono catturati in fretta e ancora più in fretta uscirono di galera perché al tempo era così: se parla vi, a prescindere da cosa dicessi, ti davano una pacca sulle spalle e ti lasciavano andare. Erano ragaz zi borghesi, fi gli di dirigentie di giornalisti, stupidi, confor misti e quindi fatalmente bri gatisti o qualco sa del genere, comunque co munisti e sma niosi di segnalarsi ai compagni ar mati. L’esatto contrario di Tobagi che, pur essendo poco più che trentenne, non aveva mai seguito le mode, neppure quelle ideologi che, e si dedicava al lavoro con slancio e passione. Era già un buon motivo, dato il clima, per farlo fuori.

Walter poi non era un giornalista qualunque, ma uno che ci sa peva fare. Colto, analitico e profondo, seppe approfittare dell’arrivo di Franco Di Bella alla direzione del Corriere , che lo aveva promosso alla «scrittura» ricono scendone l’abilità (anche politica e diplomatica), per emergere dall’anonimato cui gran parte dei corrieristi erano condannati causa l’appiattimento imposto all’epoca dal sindacalismo rosso. In pochi mesi, Tobagi imparò a volare e divenne una firma. Ma nel nostro ambiente era già qualcuno perché nelle assemblee redazionali, da semplice redattore, si era distinto sconfiggendo il branco della falce e martello. Era «padrone» della Associazione Lombarda e la sua opinione pesava. Un giorno lo incontrai sulle scale e mi chiese: «Verresti al Corriere?». «Di corsa», risposi.

Due settimane dopo ero seduto, timido e imbarazzato, al tavolone stile Times nel settore politico, guidato da Carlo Galimberti, autentico fuoriclasse nel nostro mestiere di confezionatori di giornali, nonostante non avesse mai scritto un articolo e, quindi, non avesse mai avuto la soddisfazione di leggere la propria firma sul Corrierone . Allora usava così. I capi organizzavano, rileggevano, correggevano e non veniva loro neanche in mente di compilare pezzi.

Tobagi era mio compagno di banco; quasi sempre assente, in quanto in altre faccende affaccendato in veste di presidente della Associazione e di leader del Comitato di redazione nonché di inviato, specialista in terrorismo. Il fatto che egli non avesse l’obbligo di stare in redazione lo rendeva antipatico alla maggioranza dei colleghi, esclusi ovviamente i suoi beneficati come me e quelli che votavano lui per gratitudine e speranzosi di ottenere altri aiuti per fare carriera.

Pacioso, cordiale, grassoccio e sorridente, aveva l’aspetto e i modi di un giovane parroco; e in effetti era cattolico benché vicino ai socialisti. Mai aggressivo, al termine di ogni discussione aveva sempre ragione. Nell’arte di convincere era un maestro senza essere un trascinatore. Insomma, aveva qualità di leader, personalità, conoscenza, pazienza. Tutto ciò che occorreva per rendersi detestabile agli avversari comunisti a lui non mancava.

Non so se l’idea di uccidere Walter sia nata negli scantinati del Corriere , come qualcuno ha sostenuto; certo è che gli esecutori materiali dell’omicidio sono stati ispirati, se non istigati, da chi identificava in Tobagi un nemico politico, un concorrente professionale e sindacale. Colleghi? E chi altri avrebbe avuto interesse a sopprimerlo coi metodi in voga negli anni di piombo: tre o quattro colpi di pistola sparati a bruciapelo? Indubbiamente, l’inviato grazie al suo lavoro e alle attività collaterali non era un anonimo cronista; ma la sua fama era circoscritta alla cittadella giornalistica e ai recinti del partito armato che egli aveva raccontato con perizia e spirito critico. Il fatto poi che gli assassini gravitassero attorno al mondo dell’informazione, e fossero addirittura famigliari di addetti all’editoria, rafforza il sospetto che il la all’agguato sia partito dalla zona di via Solferino.

Un delitto, questo, come quasi tutti quelli dei comunisti combattenti, di una idiozia sconfinata. Si è tentato di saperne di più rispetto all’ufficialità, ma gli assassini una volta riconquistata la libertà, senza troppa fatica, si sono chiusi in sé guardandosi dal dire la verità. Forse se ne vergognano, giustamente, perché se è vero che non esiste ragione per ammazzare un uomo, uccidere un ragazzo quale Walter, generoso e pacifico, innocuo e onesto, richiede una tale meschinità e una tale incoscienza che solo dei figli di papà comunisti improvvisati potevano avere. E sono loro ad aver dato un’impronta conformistica a quegli anni di imbecillità collettiva che portarono scompiglio nella miserrima società italiana infatuata dall’utopia. Fa rabbia costatare che la morte di Walter non sia servita neppure a capire che il passato non è migliore del presente.

Tag: ,

Una Risposta to “Tobagi, 30 anni fa l’omicidio, quell’odio nato in redazione”

  1. enrico genevois Says:

    Ricopio fedelmente la penultima riga ed aggiungo di mio.
    Fa rabbia costatare che la morte di Walter non sia servita.
    Morti ammazzati, da qualunque parte, ce ne sono stati tanti, con nomi importanti o sconosciuti.
    Tobagi è caduto nel dimenticatoio come tutti gli altri: questo è il più efferato dei delitti; mandare avanti il mondo dimenticandosi del passato è altrettanto dannoso….ricordarsi di una persona su cento è triste.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: