Notturno newyorkese

'Mulberry Street' - Sid Grossman (American, 1913-1955)

'Untitled' - Daido Moriyama (Japanese, born 1938)

Da sempre, la notte è un gran bel posto per nascondersi. Poi quando arrivarono i flash l’oscurità è stata uno degli scenari più suggestivi per i propri shooting fotografici. Il velluto delle ombre, esili lampioni e prepotenti grattacieli hanno da sempre significato molto per artisti o dilettanti. Al Metropolitan Museum di New York è possibile ammirare le opere ‘notturne’, lunatiche e coinvolgenti, di artisti come Edward Steichen, Alvin Langdon Coburn, Bill Brandt, Robert Frank e il futurista italiano Giuseppe Albergamo. Strade oscure, periferie, feste di quartiere: circa quaranta fotografie che vanno dal 1890 ad oggi. Un punto di luce sul fascino totale del buio per dare sostanza e profondità a edifici, persone e fotografie: il piacere, il pericolo e la trasgressione che se non c’è, di notte si può pur sempre immaginare – di Michele Caporosso. Altre foto qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: