Le statue più erotiche? Si trovano al cimitero

Dame discinte, corpi torniti, estasi estreme. Ecco cosa raccontano le fotografie sepolcrali di Valeria Paniccia: un’insolita mostra al Padiglione Italia ci racconta le tombe più hard

Marcello Veneziani per “il Giornale

Se volete provare un’esperienza, almeno visiva, di sesso estremo, vi consiglio di andare a Venezia, magari al Carnevale e andare alla Biennale, al Padiglione Italia in sala Nervi. Fino al 29 febbraio c’è una mostra singolare che ebbi la fortuna di vedere in anteprima a Civitanova Marche, città natale dell’artista-installatrice. Di che mostra parlo? Vorrei chiamarla Cimiteros, e non è un termine spagnolo, ma proprio la fusione di cimitero ed eros. Valeria Paniccia, che ha curato questa mostra con la benedizione di Vittorio Sgarbi – che visto il successo, l’ha protratta a tutto febbraio – l’ha battezzata «Erotici abbandoni». Ci sono monumenti funerari con corpi eccitati e nudi, orgasmi di granito, prodigiosi lati b, turgidi capezzoli che accompagnano il viaggio estremo di giovani donne, amatori rubati precocemente alla vita e perciò ricordati nella loro più gloriosa attività, ma anche risorgimentali senatori dai cognomi santi.
La morte, il cimitero, il marmo e il monumento sono quanto di più remoto si possa pensare a proposito delle passioni erotiche, il calore delle carni, gli affanni degli amplessi amorosi. E invece proprio lì, nei dolenti e austeri cimiteri, da Staglieno di Genova al Verano di Roma, e dal Monumentale di Milano e in altri luoghi funebri, ci sono scene erotiche di marmo da far provare l’ebbrezza di una forma nuova di rigor mortis. Naturalmente era difficile trasportare in una mostra monumenti cimiteriali, statue di marmo e lapidi: la trovata d’artista di Valeria Paniccia, davvero originale, è di aver riprodotto quei monumenti ad eros oltre la vita su lenzuola; ma lenzuola vissute, rubate alla vita, agli amici, ai famigliari, ci assicura la Paniccia. Veri sudari che hanno accompagnato atti d’amore e congedi di vita.
Il camposanto è per definizione luogo sacro, dominato da simboli religiosi. E invece qui vedi le performance estreme di Jole, Neera, Giana, Isabella, Maria, morta in amore, con una lapide misteriosa, intitolata dallo scultore Pietro da Verona Dedizione, in cui è scritto «Non dite ad alcuno perché son morta». E qui la fantasia erotica e necrofila si scatena. C’è il monumento funerario erotico dei Piaggio, a Genova, e una giunonica femminona dai seni prorompenti che accompagna il monumento dei Bardelli a Milano. Ma c’e a Roma un curioso e attraente monumento erotico risorgimentale del senatore siculo Francesco Paternostro, dove un corpo piegato sulla tomba mostra terga prodigiose, quasi parlanti, di una donna ai passanti che muoiono dalla voglia di trovarsi al posto del fortunato parlamentare. Sotto di lei, scorrono nella lapide immagini di guerre risorgimentali, camicie rosse garibaldine e soldati piemontesi. E vedendo insieme la scena, ti vien voglia di titolarla I Mille e una notte, per correlare l’epopea garibaldina e l’appeal erotico della posatrice.
Venezia, si sa, si presta a questi incontri pericolosi di Amore e Morte, Thomas Mann e d’Annunzio lo hanno magnificamente illustrato. E la letteratura simbolista e decadente tra Amore e Morte, compresa la fascinosa etimologia dell’amore come negazione della morte, A-mors, o il frutto che lega eros e thanatos, il mirto, sembra confermare l’amplesso. Ricordo l’ammirazione che negli ambienti venuti dal neofascismo circolava per esponenti politici, nazionali ma anche locali, deceduti nel pieno di un amplesso, di cui si narravano estremi turgori. Caduti con onore, si pensava, con sprezzo del pericolo, in piena virilità.
Aggiungi alla mostra cimiterotica quell’aria festosa ma vagamente necrofila del carnevale veneziano, quelle maschere che sembrano fantasmi venuti dal settecento e dai rondò, quelle ciprie e quei ceroni come di cadaveri in licenza premio. La cornice veneziana si presta come nessuna al cimiteros. Ci vorrebbe un Guido Ceronetti, acuto recensore di cimiteri e cappelle estreme, ad accompagnare il viaggio erotico mortuario e illustrarne i significati esoterici.
Ma colpisce che questi monumenti della belle époque, e comunque risalenti all’ultimo ventennio dell’ottocento e agli anni che precedettero la prima guerra mondiale, sorgano in cimiteri cristiani, cattolici e consacrati. Questa tolleranza estrema su eros e i corpi nudi, in piena città dolente e cristiana, questo alternarsi di seni nudi e crocifissi nelle stesse lapidi, un po’ sorprende. Certo si tratta di sesso sicuro, perché in marmo e granito, e di eros platonico, solo figurato, perché impossibile a consumarsi: di consumato ci sono solo i corpi dei protagonisti. Ma sorprende questa libertà di espressione davanti al ricordo dei peccati della carne; una specie di riabilitazione postuma del sesso, o perlomeno di riconsiderazione pietosa della sua umanità. Mi ricorda una sala vagamente pompeiana e assai pagana in piena città del Vaticano. Dopo aver visitato la mostra, la notte mi sognai la donna di pietra con i capelli al vento e il suo corpo disteso sulla tomba in pieno atto d’amore, mentre donava al defunto un piacere immortale e ai vicini di tomba l’invidia perenne.

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: