Posts Tagged ‘banche off shore’

Una vergogna chiamata off-shore

novembre 9, 2010

Dal Vaticano alle Isole britanniche: un sistema economico parallelo, segreto e sempre più fiorente. Sono i paradisi fiscali, tanto amati da Berlusconi. Valgono un quinto del Pil mondiale. E nessuno se ne occupa

Giorgio Ruffolo per “L’Espresso

I am lost in paradise, cantava nostalgicamente Johanna Wang in una canzone divenuta famosa: mi sono smarrita in paradiso. Suggerirei ai governi di adottarla all’apertura del prossimo G20, quando si tratterà di affrontare il tormentato problema dei paradisi fiscali.
Da quando il mondo è stato scosso dalla più violenta crisi economica degli ultimi ottant’anni si susseguono le lamentazioni e le indignazioni sul ruolo che nella crisi hanno svolto i circa 50 paradisi fiscali (anche il loro numero è controverso) esistenti nel mondo, i quali – cito da una recente risoluzione del Parlamento europeo – “incitano a praticare l’evasione fiscale, la frode fiscale e la fuga dei capitali”.

Tanto vibrata la denuncia, quanto fiacca e irresoluta la risoluzione: l’Unione, afferma l’europarlamento, “condanna con forza (tipica espressione usata da chi è consapevole di mancare di forze, ndr.) il ruolo svolto dai paradisi fiscali”. Che cosa propone il Parlamento europeo all’Unione? Assolutamente, niente: “L’Unione è invitata a rafforzare la sua azione e a prendere misure concrete e immediate, come, ad esempio, sanzioni contro i paradisi fiscali” (!). Immagino che i signori dei paradisi avranno tremato leggendo queste righe. (more…)