Posts Tagged ‘ettore bernabei’

ETTORE BERNABEI VERSA COGNAC AI BAMBINI

Mag 30, 2010

“C’È LA VOLONTÀ DI PARALIZZARE ECONOMICAMENTE LA CHIESA CATTOLICA, CHE NON UBBIDISCE ALLE LOBBY DELLA FINANZA GLOBALIZZATA” – L’ITALIA DEI PRIMI ANNI 60, DIVENUTA IL QUARTO TRA I SETTE PAESI PIÙ RICCHI DEL MONDO, SUBÌ L’ATTACCO DELLA FINANZA PROTESTANTE ED EBRAICA – “QUEL “PROVINCIALOTTO” DI ANTONIO FAZIO, CHE AVRÀ AVUTO L’INGENUITÀ DI INTRATTENERE RAPPORTI ANCHE CON I FURBETTI DEL QUARTIERINO, MA PROIBÌ ALLE BANCHE ITALIANE DI RIEMPIRSI DI BOND SPAZZATURA. PER QUESTO DALL’ESTERO GLIEL’HANNO FATTA PAGARE”…

Aldo Cazzullo per il Corriere della Sera

La formella mancante del portale di Manzù ce l’ha Ettore Bernabei, nell’ingresso di casa. «Doveva stare a San Pietro, come le altre. Ma, come vede, il Cristo e i soldati sono nudi. Così Manzù la diede a me». Le due statuette di Pietro e Paolo sulla scrivania invece hanno valore affettivo: «Una volta che andai a trovare Paolo VI con mia moglie e i nostri otto figlioli, il Papa si mise sulle ginocchia Luca, il più piccolo, e lo fece giocare con queste due statuette. Dopo la morte il suo segretario, monsignor Macchi, me ne fece dono».

Quand’era nato invece il settimo figliolo, Giovanni, Papa Roncalli aveva mandato la sua fotografia con un versetto del salmo 127 scritto di suo pugno: «I tuoi figli come virgulti di olivo intorno alla tua mensa…». Bernabei va per i novant’anni. Direttore generale della Rai dal 1961 al 1974 – praticamente il fondatore -, al vertice dell’Italstat dal ’74 al ’91, ora ha creato la Lux e ha portato in tv la Bibbia.

Quando dirigeva la Rai lei parlava direttamente con il Papa? 
«Ero in contatto con la segreteria di Stato e incontravo sovente i Sostituti: Dell’Acqua, Benelli, Casaroli. Qualche volta mi dicevano che di certe questioni dovevo parlare con il Papa, cioè con Giovanni XIII, Paolo VI, Giovanni Paolo II».

Oggi il Papa e la Chiesa sono sotto attacco? 
«Mi pare evidente. Sono i contraccolpi della decisione presa da Giovanni Paolo II e dal cardinal Ratzinger di non ammettere nei seminari i gay dichiarati. C’è la volontà di paralizzare economicamente la Chiesa cattolica, che non ubbidisce alle lobby della finanza globalizzata». (more…)