Posts Tagged ‘fabio granata’

“IL FOGLIO” INFOGLIA GRANATA

luglio 27, 2010

 MA QUALE “STORIA ANTICA, NOBILE E TRASPARENTE DELLA DESTRA ITALIANA”
Camillo Langone per il “Foglio“, da “Dagospia” 

Fabio Granata, ho letto la dichiarazione in cui accusi di favoreggiamento i tuoi colleghi di maggioranza. Bah, te la vedrai con loro. Nel medesimo discorso, per enfatizzare il contrasto fra il sudiciume berlusconiano e il finiano verginal candore, hai pronunciato una frase sulla quale devi vedertela con me: hai detto che nel Pdl voi di An avete fatto confluire “la storia antica, nobile e trasparente della destra italiana”. Avessi sbagliato un aggettivo, non ci avrei fatto caso.

Ne avessi sbagliati due, avrei taciuto. Ma ne hai sbagliati tre e come se non bastasse sei riuscito a sbagliare pure un sostantivo. Ma come parli, Fabio? Sarà che i gigli (e tu assomigli al purissimo lilium che l’Arcangelo Gabriele porge alla Madonna) non hanno molta dimestichezza col vocabolario. Comincerei dal Sostantivo Destra. Voi non siete mai stati di destra, voi eravate neofascisti. Voi siete stati concepiti nel 1943 durante la stesura del Manifesto di Verona e siete perciò repubblicani e non monarchici, rivoluzionari e non conservatori. (more…)

Estremo, ambientalista e bastian contrario: ecco chi è Fabio Granata

luglio 26, 2010

Celestina Dominelli per “Il Sole 24 Ore

Per capire di che pasta è fatto Fabio Granata, finiano doc e vicepresidente dell’Antimafia, che ora molti nel Pdl vorrebbero condurre al patibolo, basterebbe una sua battuta di qualche giorno fa. «Dai probiviri ci andrò e sarei felice se mi accompagnassero Nicola Cosentino e Denis Verdini». Più che una resa, una dichiarazione che sa di sfida. L’ennesima, per la verità, lanciata al suo partito. Dove, non a caso, il finiano si è conquistato l’etichetta di «rompiscatole».

Chi come Carmelo Briguglio, stessa pattuglia parlamentare, lo conosce da una vita, lo descrive così. «Fabio è stato sempre estremo, non un estremista però. È molto impulsivo, di difficile irregimentazione, ma è una persona perbene e intellettualmente onesta». Certo, ammette ancora Briguglio, «lui è sempre la metà irrequieta, io invece la parte più riflessiva e cerco di dargli dei suggerimenti in questo senso, l’ho fatto anche stamattina quando ci siamo sentiti». Per Granata, infatti, il periodo non è dei più semplici e nel Pdl adesso si fa a gara per chiederne la testa. «Lui ha un percorso di coerenza dentro il partito – chiarisce Briguglio – e ha sempre portato la bandiera dell’antimafia di destra. È una trincea che ha sempre presidiato ed è stato Fabio a lanciare il tema della legalità offrendo a Gianfranco Fini la strada per distinguersi da Silvio Berlusconi». (more…)