Posts Tagged ‘federalismo’

Così l’Italia può diventare davvero un paese federale

Mag 13, 2010

L’Italia non è uno stato federale. Eppure, una via italiana al federalismo c’è, la vogliono quasi tutti, è reale, sempre più concreta. E’ un’esperienza atipica, la nostra. Le Federazioni tradizionali sono sempre nate dalla volontà di stati indipendenti di unirsi;  al contrario, in Italia stiamo mettendo in discussione la compattezza di un sistema centralizzato che dura da decenni e che non regge più. Tramite percorsi informali e legislativi allo stesso tempo, muovendoci tra riforme costituzionali e Conferenze intergovernative, una strada in questo senso la stiamo percorrendo già da un po’.

Il Senato c’entra ancora poco in questa storia. Se dentro Palazzo Madama ci aspettassimo di trovare, come accade in tutti i principali Stati federali, una rappresentanza di interessi locali o quantomeno regionali, ne resteremmo delusi: i senatori sono membri eletti a suffragio universale diretto come i deputati, senza alcun legame “territoriale” né un vincolo di mandato; votati dai cittadini in base all’appartenenza partitica, non hanno mai avuto alcuna di quelle funzioni necessarie a differenziarsi dai colleghi della Camera bassa per farsi paladini di istanze federalistiche. In due parole: bicameralismo perfetto. In poche parole: l’Italia non ha ancora una forma di governo federale, e basta sorvolare Alpi e Atlantico per capirne il motivo. (more…)

Federalismo che bluff

Mag 10, 2010

Con i governi leghisti nessun beneficio è venuto a Regioni e Comuni del Nord

di Massimo Cacciari

Nessun termine è stato in questi anni più umiliato e offeso dalla politica di ‘federalismo’. Dopo una stagione, gli anni ’90 del ‘secolo breve’, in cui la scena è stata condivisa tra chi lo intendeva come semplice ‘decentramento’ e chi lo propagandava come cavallo di Troia per micro-nazionalismi privi di ogni radice storica, oggi la pratica politica procede sempre più in una direzione che è l’esatto contrario di ogni promozione di autonomia, sussidiarietà, partecipazione. Proporzionalità inversa tra l’universale chiacchiera sul federalismo e i duri fatti della politica quotidiana. È questa la norma da 15 anni a questa parte. Peggio, si giunge perfino a criticare giustamente quella riduzione di federalismo a decentramento amministrativo, per andare anche su questo terreno a pratiche neo-centraliste. E nulla cambia, anzi: tutto peggiora, quando il ‘centro’ da uno si moltiplica per il numero delle Regioni, e mettiamoci pure delle Provincie, che, alla faccia dei ‘federalisti’ che ne invocavano l’abolizione, sono aumentate di numero e poteri. (more…)

Cinquanta colpevoli

luglio 27, 2009

imagesLa politica fiscale non funziona se il governo federale fa una cosa e quello statale un’altra. Un articolo di James Surowiecki

 

Se dovessimo fare un elenco di ostacoli alla ripresa economica statunitense, la lista comprenderebbe tutti i soliti sospetti: il sistema bancario ancora debole, il crollo dei prezzi delle case, i consumatori troppo indebitati, le imprese troppo prudenti. Ma ci sono anche cinquanta colpevoli più insoliti: gli stati. Il federalismo, spesso considerato un punto di forza del sistema statunitense, è diventato un serio ostacolo all’uscita dalla crisi.Oggi, naturalmente, è facile ironizzare sui governi statali, mentre la California firma cambiali per pagare i conti e il governatorato di New York è diventato teatro di congiure di palazzo. Il vero problema non è l’inaffidabilità dei politici locali, ma il modo in cui gli stati devono gestire i loro affari. (more…)