Posts Tagged ‘fine seconda guerra mondiale’

Dietro la guerra ecco il futuro

maggio 24, 2010

Valerio Castronovo per “Il Sole 24 Ore

La guerra era appena cessata, il 25 aprile 1945, quando una missione guidata dai banchieri Raffaele Mattioli ed Enrico Cuccia era partita alla volta dell’America per ottenere qualche aiuto economico, ma era tornata a mani vuote. E il nostro ambasciatore Alberto Tarchiani aveva faticato a farsi ascoltare. D’altronde, a Washington si riteneva che l’Italia rientrasse nella sfera d’influenza della Gran Bretagna.

Ci si dovette accontentare solo dei soccorsi, per lo più in generi alimentari, dell’Unrra. Per il resto, mancando materie prime e combustibili, si era cercato di ripristinare i servizi pubblici essenziali. D’altronde, non si sapeva ancora quale sarebbe stata la sorte dei più grossi gruppi industriali privati. I loro massimi dirigenti, accusati di connivenza con il regime fascista, erano stati chiamati in giudizio dalla Commissione centrale di epurazione. E di alcune imprese, i socialisti, confidando nell’appoggio dei comunisti, chiedevano l’immediata nazionalizzazione. Tuttavia Togliatti aveva consigliato i suoi compagni di partito di andarci piano. C’era già una parte rilevante del sistema industriale sotto le insegne dello stato tramite l’Iri, per aggregarne altri spezzoni. Semmai si poteva pensare alle imprese elettriche. Ma «se per nazionalizzare la Fiat – aveva detto – dovessimo trasformarla in un’officina di stato con operai, impiegati e funzionari inquadrati come nei vari gradi dell’amministrazione pubblica, sarebbe una cosa sbagliata». (more…)