Posts Tagged ‘Kees van Dongen’

Sailors and Girls, Kees Van Dongen – 1903

agosto 8, 2014

image

The Mattchiche, Kees Van Dongen – 1906

giugno 12, 2014

image

Sacré-Cœur – Morning, Kees Van Dongen – 1904

maggio 3, 2014

image

Houses in Amsterdam, Kees Van Dongen – 1907

aprile 24, 2014

image

Liverpool Light House, Kees Van Dongen – 1907

marzo 31, 2014

image

Jack Johnson, also known as The Morning Walk, Kees van Dongen, circa 1914

marzo 28, 2014

image

Kees van Dongen – Portrait d’ Ines Napoli

marzo 18, 2014

image

Cannes in the Rain, 1947, Kees van Dongen

marzo 13, 2014

image

Mother and Child in a Landscape, Kees Van Dongen – 1913

marzo 4, 2014

image

La Princesse de Babylonne (1904-1910), Kees van Dongen (Dutch, 1877-1968)

ottobre 23, 2013

images

Woman Fastening Her Petticoat, Kees Van Dongen – circa 1902-1903

settembre 18, 2013

images

Standing Undressed, Kees Van Dongen – circa 1910

settembre 13, 2013

images

The Rider, Kees Van Dongen – 1916

settembre 2, 2013

images

Kees van Dongen, Woman with Frill, 1911

agosto 9, 2013

images

Lucie and Her Partner, Kees Van Dongen – 1911

giugno 30, 2013

images

Boulevards Extérieurs, Paris Kees Van Dongen

giugno 1, 2013

images

Kees van Dongen, Woman in a Large Hat, 1906

maggio 31, 2013

images

Kees van Dongen, 1919, The Corn Poppy

gennaio 8, 2013

imagesqui

Kees Van Dongen, Woman With Blonde Hair

gennaio 4, 2013

images

Kees Van Dongen – Les lutteuses, ou Lutteuses du Tabarin, 1907-1908

dicembre 16, 2012

images

Femme au fond blanc, 1910-1914, Kees van Dongen. Dutch (1877 – 1968)

ottobre 15, 2012

qui

Kees van Dongen, Femme fatale (1905)

maggio 18, 2012

«Tre volte» Van Dongen

giugno 29, 2011

«Marchande d’herbe et d’amour» (1913)

Quell’intreccio di colore, violenza e mondanità. Al Musée d’Art Moderne una retrospettiva celebra il maestro olandese del «fauvisme»

Sebastiano Grasso per “Il Corriere della Sera

Kees van Dongen? Fauve, anarchico e mondano. Così, vent’anni dopo la retrospettiva dedicata al pittore di Delfshaven (1877-1968), la capitale francese ne ripropone il periodo parigino, con 90 fra dipinti e disegni, oltre a un buon numero di ceramiche fine Ottocento-inizio anni Trenta.

A Parigi, Kees arriva nel 1897. Ha vent’anni e tanta voglia di farsi strada. Nel 1904, la sua prima personale, l’incontro con André Derain e la conversione al fauvismo. Per vivere, il giovane olandese disegna per il giornale satirico Assiette au beurre, vende giornali, fa il fattorino, l’imbianchino e, robusto come Braque, persino il lottatore da fiera. Montmartre e Montparnasse diventano i suoi quartieri e il Bateau-Lavoir la sua casa. (more…)