Posts Tagged ‘marx’

Del Noce: gli orrori dell’uomo di Marx

agosto 11, 2010

Nell’articolo: Il marxismo è il punto di arrivo del razionalismo europeo, di un razionalismo che elude, con una decisione arbitraria, il problema dell’esistenza di Dio, che rigetta senza alcuna argomentazione ragionevole il dogma del peccato originale e che, di conseguenza, eleva la politica a religione, istituzionalizza il culto idolatrico di una umanità divinizzata e pretende di realizzare, per mezzo della pratica della rivoluzione, «il Regno millenario della libertà»

Dario Antiseri per “Avvenire”

Un punto essenziale che va subito precisato è che, di fronte alla linea Cartesio-Hegel-Marx, Augusto Del Noce (di cui ricorrono domani i cent’anni della nascita) ha proposto una diversa lettura della filosofia moderna. È un altro volto della filosofia moderna quello che Del Noce vede snodarsi da Cartesio in avanti per giungere a Rosmini e Gioberti passando attraverso Malebranche e Vico, un percorso che permette di recuperare la ricchezza tematica e la forza teorica del pensiero cattolico italiano dell’Ottocento – un pensiero in grado di contrastare quella dilagante secolarizzazione che fiorisce dall’abbraccio tra l’ateismo comunista e l’ideologia borghese nella loro lotta contro la religione cristiana.

E grande fu lo scalpore suscitato dall’interpretazione che Del Noce dette del marxismo. Erano anni, quelli dal Sessanta in avanti, in cui la cultura marxista poteva dirsi sostanzialmente egemone. Egemone e in grado di risucchiare al suo interno sia gran parte del mondo cattolico che di quello laico. L’alleanza dei cattolici con i comunisti si basava sul rifiuto, teorizzato soprattutto da Franco Rodano, del materialismo storico e dell’ateismo marxista e sull’accettazione dell’analisi marxiana come scienza della società capace di offrire una oggettiva lettura della realtà sociale, lettura che, considerata appunto oggettiva, avrebbe messo nelle mani dei rivoluzionari lo strumento più adeguato per cambiare finalmente la storia dell’umanità. (more…)

Così Gramsci disobbedì a Marx

agosto 28, 2009

imagesContro le sue indicazioni, applicò il «cesarismo» a Napoleone III, Mussolini e forse anche Stalin

 

È n bel regalo per i fi­lologi l’edizione ana­statica dei 29 Quader­ni del carcere (e tre di traduzioni) di Antonio Gramsci. L’iniziativa è realizza­ta congiuntamente da «L’Unio­ne Sarda», quotidiano che que­st’anno compie 120 anni, e dall’Istituto della Enci­clopedia Italiana, che ha già dato avvio — coi Qua­derni di traduzioni — alla finalmente critica «edi­zione nazionale» dell’intera opera gramsciana. L’ideale sarebbe stata l’edizione fac-simile dei Quaderni , che invece sono raggruppati, nell’edi­zione anastatica, in diciotto tomi, il quattordicesi­mo dei quali rispecchia — opportunamente — il formato grande (da registro) dei Quaderni 10, 12, 13 e 18. L’edizione fac-simile avrebbe permesso di poter studiare anche quei dettagli paleografici (co­lore dell’inchiostro, struttura fisica del manoscrit­to etc.) che sono fondamentali per qualunque ana­lisi filologica seria. (more…)