Posts Tagged ‘mediolanum’

Sistema Ennio Doris, sistema dopato con il fisco irlandese

dicembre 10, 2010

Senza il doping fiscale garantito dall’Irlanda il bilancio Mediolanum si sgonfierebbe. In realtà il blancio del 2009 si aggira attorno ai 206 milioni di euro

Vittorio Malagutti per “Il Fatto

Se in Italia c’è un banchiere che sta tifando alla grande per il salvataggio dell’Irlanda, questo è di sicuro Ennio Doris. Proprio lui, l’amico e socio diSilvio Berlusconi, il fondatore di Mediolanum, uno degli uomini più ricchi del Paese con un patrimonio personale di gran lunga superiore al miliardo di euro. Chi non lo conosce? E’ quel signore in doppiopetto che traccia cerchi sulla sabbia predicando ottimismo nei suoi spot televisivi. (more…)

La Fininvest sta peggio del capo

settembre 5, 2010

Viaggio nei bilanci di Fininvest e delle controllate: Mediaset, Mondadori, Mediolanum e Milan. Dai debiti degli anni ’90 alla ristrutturazione finanziaria, con ricca distribuzione degli utili alla famiglia padrona. Adesso i numeri volgono al peggio: siamo agli anni del declino. In quest’articolo si spiega perché

di Pitagora da “Sbilanciamoci.info

E’ opinione diffusa che la situazione economica e finanziaria del gruppo Fininvest fosse critica nei primi anni ’90 mentre sia florida quella attuale. L’esame delle informazioni di bilancio, delle operazioni realizzate sui mercati finanziari, dei punti di forza nei confronti dei concorrenti e dei rischi che gravano sulle società del gruppo mostra una realtà differente.

All’inizio degli anni ’90 il gruppo Fininvest era fortemente indebitato: nel bilancio consolidato del 1993, i debiti finanziari assommavano a circa 4.500 miliardi di lire e quelli commerciali superavano i 2.200 miliardi, ma le società operative si trovavano in una situazione favorevole nei mercati di riferimento. I rischi che gravavano sul gruppo riguardavano comportamenti degli amministratori censurabili sul piano penale, ma con improbabili ricadute sulle società operative. L’assetto proprietario, benché opaco e improprio, consentiva un’elevata flessibilità della gestione.

Le tre principali società del gruppo (Mediaset, Mondadori, Mediolanum) esprimevano elevate potenzialità di reddito perché operavano in mercati in espansione in una posizione di vantaggio rispetto ai concorrenti; in particolare:

  • Mediaset si trovava in una situazione di duopolio con la Rai, ma aveva una struttura organizzativa più agile, una gestione più flessibile ed era sottoposta a minori vincoli amministrativi;
  • La quota di Mondadori nel mercato dei libri e dei periodici era maggioritaria e la carta stampata non subiva la concorrenza di altri media;
  • Il modello commerciale di Mediolanum, incentrato sulla rete di promotori finanziari invece che di sportelli fissi rappresentava uno schema più aggressivo e flessibile ma meno costoso rispetto a quello dei concorrenti; inoltre il mercato della previdenza privata e del risparmio gestito si trovava in una fase di espansione.

    I punti di forza delle società operative consentirono la ristrutturazione finanziaria del gruppo attraverso l’apertura dell’assetto proprietario al mercato. (more…)