Posts Tagged ‘mek’

Doppio gioco

luglio 31, 2009

imagesLa polizia irachena attacca i militanti dissidenti iraniani in Iraq. Che accusano Baghdad e gli Usa di sacrificarli al dialogo con Teheran

La fine di Camp Ashraf sembra vicina. Dopo gli incidenti dei giorni scorsi, nei quali sono morti otto militanti iraniani, il governo iracheno è deciso a estradare verso il Pakistan tutti i membri del gruppo Mujahidin e-Khalq (Mek), i ‘combattenti del popolo’, dissidenti iraniani.Attacco ai mujahidin. Il campo, che occupa una vasta area nel governatorato di Dyala, nell’Iraq meridionale, esiste dalla fine della guerra tra Iran e Iraq degli anni Ottanta. Il regime di Saddam, nella speranza di riprendere prima o poi il conflitto con la Repubblica Islamica, offrì appoggio finanziario, politico e logistico al gruppo Mek, braccio armato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana, il network degli oppositori che durante la guerra avevano appoggiato il regime laico di Saddam contro la teocrazia iraniana. Anche solo per aver combattuto i loro stessi fratelli, in un conflitto che è costato la vita a due milioni di persone, il Mek è diventato la bestia nera del regime di Teheran. Dal 1988 al 2003, quando il regime di Saddam è stato rovesciato dall’invasione della Coalizione guidata dagli Usa, il Mek ha potuto contare su un rifugio sicuro. Nel campo, circondato da un’elegante cancellata nera con una serie di statue di leoni dorati, vivono 3500 militanti del Mek, non tutti guerriglieri. Gli Usa hanno disarmato i miliziani all’interno del campo nel 2003, ma avevano lasciato in piedi la struttura, perché l’amministrazione Bush non ha mai abbandonato la speranza di rovesciare il regime iraniano e il Mek poteva tornare utile ai piani d’invasione o di destabilizzazione.Da quando il governo iracheno guidato dal premier Nuri al-Maliki ha preso il controllo del territorio, invece, le cose sono cambiate. (more…)