Posts Tagged ‘paolo conte’

Il ritorno di Paolo Conte: “Non mi dimetterei mai da cantautore”

novembre 8, 2011

L’artista parla di “Gong-Oh”, una raccolta di successi con una sola canzone nuova, “La musica è pagana”. Ma anche della situazione della discografia e di colleghi che si ritirano

Carlo Moretti per “la Repubblica

Ad un anno dal suo ultimo album di inediti che si intitolava “Nelson” e nel bel mezzo di una tournée che lo vede trionfare sui palcoscenici dei teatri più prestigiosi d’Europa, torna Paolo Conte e anche se “Gong-Oh” che esce proprio oggi è una raccolta di successi arricchita da una sola nuova canzone intitolata “La musica è pagana”, poche note inedite del grande cantautore astigiano sono sufficienti a far vibrare di interesse qualsiasi appassionato di musica che sia degno di questo nome. Perché, dopo tanti anni di onorata carriera, Paolo Conte resta uno dei più ispirati cantautori italiani, quello che ha saputo inscrivere la sua cifra stilistica nel firmamento dei più grandi, senz’altro il più apprezzato dei nostri musicisti all’estero, specialmente in Francia, dove lo considerano quasi uno chansonnier di casa.

In questo suo inedito “La musica è pagana” si avverte una tentazione, per così dire, elettronica: da dove è nata l’esigenza? E farebbe mai un disco completamente elettronico? Di campioni musicali e macchine, più che di strumenti canonici e musicisti in carne ed ossa: o lo considera in antitesi con il suo mondo stilistico e compositivo, almeno per come si è consolidato negli anni?
“Proprio per celebrare la “paganità” della musica ho adottato per contrasto strumenti di sintesi che, intendiamoci sempre, non suonano da soli ma vanno adoperati, cioè suonati, da mani musicali”.

Questa  raccolta non è la prima nella sua carriera: quanto partecipa in prima persona alla realizzazione di questo tipo di pubblicazioni? Quanto c’è di suo in termini di scelta dei brani o di idea generale?
“Francamente non molto. Tuttavia condivido le scelte dei brani”.

Il mondo della discografia è completamente mutato nel giro di pochi anni: come sono cambiate le sue abitudini di ascoltatore-consumatore di musica? È un novello nostalgico del vinile come tanti in questo periodo oppure non disdegna affatto gli mp3 e la musica cosiddetta liquida che viaggia via Internet?
“Se devo fare il nostalgico scelgo addirittura i dischi a 78 giri. Non disdegno tuttavia le nuove tecnologie, più o meno comode che siano”. (more…)

paolo conte – leggenda e popolo

agosto 10, 2011

paolo conte – l’amore che

agosto 8, 2011

Paolo Conte, Nina

luglio 30, 2011

Paolo Conte – Bamboolah

luglio 30, 2011

“Elisir” by Avion Travel, Paolo Conte. Video by G.Ragazzini

giugno 17, 2011

Paolo Conte – Clown

giugno 14, 2011

Paolo Conte – L’orchestrina

maggio 23, 2011

Quest’Italia non la riconosco più

aprile 27, 2011

Le suggestioni perdute di Paolo Conte, che pensa al passato come l’anagramma quasi perfetto di felicità. Ecco le confessioni dell’avvocato-chansonnier tra ricordi e nuovi progetti

Malcom Pagani per “l’Espresso

I fili del sipario sono liane sull’Africa di Paolo Conte. Un giardino contaminato da rumbe, gauchos e milonghe che lo hanno scortato, recitando e inventando, al confine dei 73 anni. Teatro Valli, Reggio Emilia. Architetture lontane, orchestrali in pausa, sigarette. Trenta minuti e va in scena la memoria. Fuori biciclette, fontane e tricolori al vento. Dentro, dietro le rughe di Paolo l’enigmista, commedie, finzione, olfatto e nasi tristi. Se annusa il messaggio politico, Conte si eclissa: “L’attualità non ha odore”. Così chiedergli dei francesi che si incazzano o delle guerre che pure depreca, è tendergli un agguato della cronaca. Conte è amico di Gino Strada. Ricorda la ritirata dei tedeschi nel ’45: “Io e mio fratello Giorgio osservammo un fiume di soldati in rotta nella notte” e il tedio della leva.

Il militare Conte Paolo la soffrì a Sud del Sud. “Rimpiansi il Nord, dopo aver sempre pensato che la nostalgia procedesse in senso contrario”. Conosce le rotte ma non può segnarle. Non vuole. Non l’ha mai fatto. Rifiuta le analogie, i parallelismi, la pallida divisa dell’intellettuale di complemento. Per illudersi di capire vita e morte, meglio l’arte della tessera: “Dettare manifesti o preferenze approfittando della notorietà non mi ha mai appassionato”. Provi allora a lambire la Libia con la calda Tripoli da lui disegnata per Patty Pravo nel 1969 e ti accorgi che è inutile. Che “il primo nome che viene in mente” era un’astrazione anche allora. Il solito inganno senza appigli. L’incantesimo sublime. (more…)

Paolo Conte: La musica? Come una pennellata

dicembre 5, 2010

Silvia Boschero per “L’Unità

Un nuovo disco, il terzo in pochi anni, Nelson, e poi una serie di concerti tutti esauriti, prima Milano e ancora in questi giorni Roma, mentre il suo Via con me diventava tormentone delal trasmissione tv più coraggiosa e osteggiata degli ultimi tristi e goffi anni Rai. Paolo Conte, il Maestro, ci incontra nel backstage dell’Auditorium della Conciliazione mentre è già apparecchiata una tavola tradizionale con ottimo vino piemontese e cinque calici. Di lì a poco, un colto e affezionatissimo pubblico lo avrebbe abbracciato trionfalmente, come da anni succede qui e in tutta Europa. «Trovo che il mio pubblico si somigli un po’ ovunque, che vada al di là delle barriere linguistiche. Qualche brano effettivamente va più forte in certi Paesi. Ad esempio in Olanda fu un gran successo prima L’Impermeabile e poi Max, tanto che seppi che diverse madri avevano chiamato così il loro figlio e poi venivano a chiedermi cosa significasse la canzone. Bé, insomma, la storia del capo indiano poco aveva a che fare con i loro sogni, ma va bene così». 

Deve essersi sentito responsabile per tutti questi Max neonati in giro per l’Olanda...
«In realtà io lascio grande libertà di interpretazione sulle mie canzoni, non voglio imporre niente. Mi basta raccontare qualche favola e va benissimo se gli stessi colori che vedo io in una pagina magari possono essere visti da altri con un daltonismo tutto particolare».  (more…)

IL GIUDIZIO DI PARIDE – AVION TRAVEL ( MUSICA E PAROLE DI PAOLO CONTE )

settembre 21, 2009

imageshttp://www.youtube.com/watch?v=RD5j_xCpRsM

Paolo Conte, la vecchia giacca nuova

settembre 17, 2009

imageshttp://www.youtube.com/watch?v=Fu-YwtZ7lCw&feature=PlayList&p=B0D8CED225AD6241&playnext=1&playnext_from=PL&index=29

Il quadrato e il cerchio

luglio 14, 2009

imageshttp://www.youtube.com/watch?v=ZW33yb0Mj_Q