Posts Tagged ‘petros markaris’

PETROS MARKARIS

giugno 26, 2011

Petros Markaris, da “Il Giornale

Bertolt Brecht pubblicò nel 1939 un articolo dal titolo «Cinque difficoltà per chi scrive la verità». La prima difficoltà, sostiene Brecht, è «il coraggio di scrivere la verità». La seconda difficoltà è «l’accortezza di riconoscere la verità». La terza è «l’arte di maneggiare la verità come un’arma». La quarta è «il sapere scegliere coloro nelle cui mani la verità diventa efficace». E, infine, la quinta difficoltà è «l’astuzia di divulgare la verità ai molti». L’articolo fu pubblicato su un giornale in lingua tedesca che usciva a Parigi quando le armate di Hitler avevano già aggredito la Polonia e la Seconda guerra mondiale era appena iniziata. Di conseguenza Brecht scrisse il suo articolo in un momento in cui la bugia aveva il monopolio nella comunicazione pubblica, alla radio e sui giornali di molti stati, mentre venivano innalzate altissime mura che la verità avrebbe dovuto scavalcare per giungere nelle mani di coloro in grado di utilizzarla efficacemente. \
Di sicuro, ai nostri giorni, non ci vuole più un coraggio particolare per scrivere la verità, come lamentava Brecht nella prima difficoltà. E allo stesso modo non vale più la quinta difficoltà \. Oggi la diffusione della verità è talmente semplice che, in ogni modo, si diffonde ai molti, almeno all’interno dell’Europa. (more…)

Petros Markaris: la mia Grecia in fiamme

settembre 10, 2009

images“Dopo le Olimpiadi la crisi ci ha travolti per questo è esplosa la rivolta giovanile”

MARIO BAUDINO
INVIATO A MANTOVA
Il governo ha fatto molto male. Ma purtroppo non ho grandi speranze neanche per quanto riguarda l’opposizione». Petros Markaris, alla vigilia delle elezioni in Grecia, è pessimista. Da ieri è a Mantova, ospite del Festivaletteratura, per inaugurare la serie di incontri sul vocabolario. Ogni scrittore una parola. E lui che ha inventato il commissario Costas Charitos, ossessionato tra l’altro proprio dalla lettura del dizionario come strumento per ridare senso alle cose – ma anche perseguitato da una moglie sputasentenze – ha scelto il termine greco che equivale a «desiderio di gloria». Qualcosa che da Omero in poi fa parte della storia greca. Qualcosa che non vede più intorno a sé. (more…)