Posts Tagged ‘San Suu Kyi’

San Suu Kyi: “Io libera nella Birmania prigioniera”

marzo 30, 2011

Simbolo della non violenza, premio Nobel per la pace: parla la donna che fa paura al governo del suo Paese. Da quattro mesi di nuovo libera

Raimondo Bultrini per “la Repubblica

RANGOON – Gli ultimi giorni dell’inverno graziano con una piacevole brezza la solitamente torrida e polverosa capitale birmana. Ma dentro i grandi magazzini che sorgono come funghi, la folla cerca ulteriore refrigerio nell’aria condizionata, girando tra asettici scaffali di merci destinate a ben pochi di loro. A Shwegondaing, lontano dalla nuova Rangoon del commercio, la sede della Lega nazionale per la democrazia del Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi sembra un pezzo di passato remoto, con le sue mura mai riverniciate, le scale coi tappetini consunti, i soliti anziani attivisti e leader passati da mille prigioni abbigliati come gran parte del popolo, in semplici gonne longy e camicie bianche senza collo. C’è chiasso e folla quando Daw Suu, The Lady, è presente in sede, altrimenti sembra un desolante deposito dei Mercati generali.

La leader dell’Nld, da quattro mesi liberata dagli arresti domiciliari, ci riceve in un salottino lindo con un divano, una poltrona e una scrivania. Ha appena finito un meeting, e presto ce ne sarà un altro. Le chiediamo subito se nonostante la libertà di movimento si consideri ancora, come disse, “prigioniera” nel suo stesso Paese. “Si, sono ancora prigioniera, ma non posso parlare per me sola. Io ho imparato a trovare la libertà dentro me stessa quando ero sola agli arresti. Però vede, ciò che non rende libero il mio popolo è principalmente la paura. Non c’è solo il problema dei 2.220 prigionieri ancora nelle celle. La paura è diventata la prigione di tutti”.

Nei giorni scorsi il suo partito ha chiesto un incontro con la Giunta militare per “chiarire le incomprensioni” prima della formazione del nuovo governo. Pensa che i nuovi generali siano più aperti dei predecessori?
“Dobbiamo lasciare a tutti il beneficio del dubbio, ma dobbiamo essere consapevoli che le cose non cambiano perché vogliamo che cambino”. (more…)