Posts Tagged ‘scuola normale di pisa’

Il collegio delle idee

settembre 12, 2010

Nell’articolo: Non era della stessa opinione l’ex allievo Giosuè Carducci che affermò: «Guai, guai nella scuola normale a colui che pensa!». Il premio Nobel criticò duramente l’impronta confessionale della Normale di epoca granducale e dipinse il rettore, il canonico Ranieri Sbragia (scelto obbligatoriamente tra religiosi), come «un imbecille che parla sempre di frati, monache e conventi»

Lara Ricci per “Il Sole 24 Ore

«Alla Normale non si accetta mai un enunciato che non sia stato discusso, sviscerato e capito profondamente. Lo studio, più che un atto formale, è una discussione continua. E non ci si illude, superficialmente, di avere avuto un’idea brillante. Tutte le idee sono analizzate a fondo. Poi, di idee brillanti, ne restano magari poche, ma quelle sono solide». Italo Mannelli, fisico del Cern di Ginevra, neopensionato insegnante della Normale, descrive così lo spirito che anima e animava la scuola nell’autunno del 1953, quando vinse il concorso con 11 altri promettenti futuri allievi della classe di scienze, tra cui il Nobel Carlo Rubbia.

In questi giorni in cui una parte del migliaio di ragazzi che si è iscritto all’esame sta sostenendo le prove orali per aggiudicarsi i 58 posti disponibili, vengono ultimati i preparativi per celebrare i duecento anni dalla fondazione dell’istituzione pisana, per mano di Napoleone, il 18 ottobre 1810. Una storia travagliata che vide il passaggio da scuola francese, a toscana, per divenire infine italiana e poi attraversare il fascismo sotto la guida di uno dei suoi teorici, il filosofo Giovanni Gentile. Ex allievo, ne voleva fare «il semenzaio degli educatori per le classi dirigenti della Nuova Italia», mentre nelle aule si diffondeva anche l’antifascismo (già nel 1928 gli allievi Vittorio Enzo Alfieri e Umberto Segre furono arrestati per l’opposizione a Mussolini). (more…)