Posts Tagged ‘sistema bancario’

IL SISTEMA BANCARIO / Fuori dalla foresta di pietra

marzo 2, 2010

di Giuliano Amato

Ho appena letto il bel libro di Pier Francesco Assi e Sebastiano Nerozzi, Storia dell’Abi – 1972-1991 e la prima constatazione che il libro suggerisce è che il nostro sistema bancario è da allora davvero cambiato. Io lo definii in quegli anni una foresta pietrificata e la mia definizione fu forse eccessiva. Ma chi legga queste pagine, scritte con grande scrupolo scientifico sulla base dei documenti dell’Associazione bancaria oltre che dei verbali del suo Consiglio e del Comitato esecutivo, non può non convenire con la mia constatazione. Nel periodo trattato dal libro, nell’Associazione e tra le banche prevalevano la chiusura all’esterno, la diffidenza nei confronti della concorrenza che la Comunità europea stava portando e la preoccupazione per quel mutuo riconoscimento (uno dei principali grimaldelli usati dalla stessa Comunità per aprire il mercato unico) grazie al quale sarebbero venute da noi banche straniere più forti e meno gravate da vincoli operativi. (more…)

Iran: sono le banche il tallone d’achille di Teheran

febbraio 23, 2010

Lo scorso gennaio, Mahmoud Bahhmani, governatore della banca centrale iraniana, ha rilasciato dichiarazioni allarmate circa lo stato di salute del sistema finanziario del suo Paese, all’80% di proprietà statale. Sotto il peso di ben 48 miliardi di dollari di prestiti non onorati – circa il 25% del totale dei prestiti emessi – le banche iraniane rischiano l’ingresso in un tunnel che porterebbe dritto, dritto ad una crisi economica sistemica.

Più o meno in contemporanea a queste dichiarazioni alcuni resoconti provenienti dalla stampa locale riportavano di difficoltà e di disordini verificatesi in alcune filiali bancarie di Teheran e Isfahan, prese d’assalto dai correntisti. La decisione del governo di limitare a 15.000 dollari il ritiro giornaliero dai conti correnti bancari, effetto dell’applicazione di una serie di norme anti-riciclaggio decise dal parlamento nel corso del 2009, tutto ha fatto tranne che tranquillizzare gli animi e ha dato ulteriore forza a preoccupazioni ed ipotesi di “quasi bancarotta”, pure prontamente contestata dai più alti esponenti del sistema bancario in mano pubblica. (more…)